IT_ICON
Gli impianti a secco hanno le tubazioni, a monte della stazione di controllo, permanentemente riempite d’acqua in pressione, mentre quelle a valle permanentemente riempite d’aria in pressione, solitamente con l’ausilio di un compressore.
La valvola di allarme rimane chiusa secondo il principio delle pressioni parziali per le aree di contatto.
Questi impianti sono utilizzati quando esiste, all’interno del rischio protetto, pericolo di gelo od evaporazione dell’acqua nella rete di distribuzione.
La caduta di pressione dell’aria generata dall’apertura di uno o più erogatori comporta l’immediata uscita dell’aria dagli stessi, con la conseguente apertura della valvola, l’immissione dell’acqua nella rete di distribuzione fi no agli erogatori, il funzionamento della campana idraulica di allarme, l’attivazione del contatto del pressostato montato sulla linea di quest’ultima. La valvola di controllo ed allarme a secco necessita di riarmo manuale.
La confi gurazione DRY FIRE è una confi gurazione standard appositamente studiata per espletare le funzioni di controllo ed allarme di impianti sprinkler del tipo a secco. Eventuali varianti come per esempio l’uso di una valvola a farfalla al posto della saracinesca possono essere effettuate scorporando e poi aggiugendo i prezzi dei prodotti da sostituire con quelli scelti riportati nelle pagine seguenti.

Gruppo di allarme a secco DRY FIRE

Confi gurazione:
- Saracinesca corpo in ghisa vite esterna cuneo gommato UL/FM o valvola a farfalla
- Valvola di allarme a secco in ghisa ed ottone Mod. A (2 ½”) e D (4” e 6”)
- Trim completo di prova ed allarme zincato con accessori e manometri preassemblati.
- Acceleratore Mod. B-1 con trim (solo 4”e 6”)
- Set mantenimento pressione Mod.A-2
- Pressostato di allarme ad un contatto per acqua Mod. EPS10-1
- Pressostato di allarme ad un contatto per aria Mod. EPS40-1
- Campana idraulica di allarme completa di fi ltro Mod. C
 
 
Modello disponibili